Il Pulcino d’Oro in campo con UNICEF

4 Giugno 2022
©-UNICEFUN0439618Dejongh-1280x853.jpg

Sport – Bambini – Solidarietà, uno degli aspetti che caratterizzano la manifestazione è quello della solidarietà, con l’evento che diventa strumento per formare ed educare ai veri valori della vita. Quest’anno le quote di iscrizione andranno al Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia.

Nel clima di gioia che contraddistingue la manifestazione, il Comitato Organizzatore, fin dalla nascita del Pulcino d’Oro, vuole riunire tutte le società sportive partecipanti in un’unica grande squadra ideale, che devolve in beneficenza le quote d’iscrizione, partecipando in prima persona al progetto solidale.

Nel 2019 è nata una partnership con UNICEF. Lo sport, riconosciuto dalle Nazioni Unite come un diritto fondamentale, rappresenta un’occasione irrinunciabile per diffondere e potenziare la cultura dei diritti dei bambini e degli adolescenti. Sui temi dei diritti e dello “sport amico” il Comitato Provinciale di Trento per l’UNICEF organizzerà momenti di riflessione e di gioco per ragazzi e adulti. Nel 2022 il Pulcino d’Oro sarà al fianco di UNICEF per un progetto che porta a convertire i rifiuti in plastica raccolti in Costa d’Avorio in mattoni di plastica modulari. Nicola Brotto, Responsabile Coordinamento Sport Amico dei Bambini di UNICEF, sottolinea: «Siamo felici di costruire insieme al Pulcino d’Oro un ponte tra Trentino alto Adige e Costa d’Avorio finanziando il progetto scuole in plastica. Un progetto innovativo che permette di riciclare la plastica per costruzioni scolastiche vere e proprie».

Nel 2016 il ricavato venne consegnato all’ex portiere azzurro Giovanni Galli per sostenere la Fondazione Onlus intitolata alla memoria del figlio Niccolò Galli, un’associazione che sostiene progetti dedicati ai bambini meno fortunati, mentre nel 2017 permise di ospitare la squadra dell’Atletico Sibillini di Amandola, paese duramente colpito dal terremoto, dando l’opportunità a ragazzini meno fortunati di vivere un’esperienza indimenticabile. Nel 2018, invece, le quote d’iscrizione furono devolute al «Centre Effatà Ludovic Pavoni», in Burkina Faso, per i bambini sordi, con i padri pavoniani che da sempre aiutano i bambini colpiti dalla malaria. Nell’edizione 2019, il Torneo Internazionale Pulcino d’Oro è sceso in campo assieme alla Fondazione Pupi Onlus, creata nel 2001 dal campione argentino dell’Inter Javier Zanetti, con l’obiettivo di operare nel settore della protezione integrale dei diritti dei bambini e degli adolescenti.

Anche nel 2022 la grande famiglia del Pulcino d’Oro si unisce in un’unica grande squadra per supportare chi ha maggior bisogno.